Dolci/ Ricetta/ ricette bimby

Marmellata di mandarini

Quando si ha la fortuna di avere dei mandarini di ottima  qualità come il “tardivo di ciaculli” è un peccato non fare la marmellata di mandarini .

marmellata di mandarini 4

In questo modo posso gustare per un paio di mesi la bontà di questo frutto spalmato sulle mie fette biscottate

La ricetta è di facile esecuzione, solo un po noioso togliere tutti i semini all’interno del frutto. Se siete in possesso del bimby risulterà ancora più semplice non dovendo stare davanti al fornello a mescolare.

 

Ingredienti per la marmellata di mandarini :

  • kg.1 mandarini
  • gr.800 zucchero semolato

 

Procedimento :

Per prima cosa lavare i barattoli di vetro e sterilizzarli facendoli bollire coperti d’acqua per 30 minuti, scolarli e farli asciugare per bene. Per chiudere la marmellata di mandarini usare sempre dei tappi nuovi.

Lavare i mandarini con acqua e un cucchiaio di bicarbonato per togliere ogni eventuale residuo di sostanze nocive dalla buccia. Metterli in una pentola, coprirli con acqua e portare a bollore, farli bollire per circa 15 minuti dopo di che scolarli. Questa operazione serve a togliere l’amaro dalla buccia. Per il mandarino Tardivo di Ciuaculli basta una sola volta perchè si tratta di un mandarino molto dolce, altrimenti basta ripetere un altra volta la bollitura.  Tagliarli in due,  togliere tutti i semini e frullarli con il bimby oppure un normale frullatore. Cercate di raccogliere anche tutto il succo che in questa fase si formerà.

marmellata di mandarini

Versare il composto in una pentola ed aggiungere lo zucchero, mescolare e portare sul fuoco per fare addensare. Il tempo di cottura dipende dalla quantità di liquido che si sarà formato. Mescolare continuamente per evitare che la marmellata si attacchi al fondo della pentola. Come ho già scritto , se usate il bimby basterà impostare la temperatura 100° a velocità 2 senza il tappo trasparente e penserà a tutto lui. Dovrete solo controllare ogni tanto la densità della marmellata, un ottimo metodo è quello di versarne un cucchiaino su un piattino, inclinarlo e vedere se scivola via velocemente oppure no. Nel primo caso continuare la cottura finché non si raggiunge la densità voluta.  Invasare la marmellata ancora bollente nei vasetti arrivando fino al bordo e chiudere con i coperchi. Capovolgere immediatamente i barattoli; in questo modo l’aria uscendo creerà il sottovuoto. Lasciare raffreddare a temperatura ambiente.

marmellata di mandarini

La marmellata così prodotta può essere conservata per circa 6 mesi in dispensa, ma è così buona che la finirete certamente prima 😉

marmellata di mandarini 3

 

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Aggiungi un posto a tavola, con NeMo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Send this to a friend