Dolci/ dolci siciliani/ Ricetta/ Ricette siciliane

La frutta di martorana

 Martorana

martorana 2015

Eccola qui la frutta di martorana….come iniziare questa avventura nel mondo dei blog di cucina se non con un cavallo di battaglia??

 ….sono ormai parecchi anni che in questo periodo ritorna per me l’appuntamento con questo dolce (qui trovate il mio post su un forum di cucina) …un vanto della tradizione palermitana.Si tratta di dolcetti fatti con la farina di mandorle e zucchero a velo,la pasta che ne deriva va  modellata dandole la forma della frutta di stagione…ma anche ortaggi , panini e tutto ciò che la fantasia suggerisce. Il nome Martorana deriva dalla chiesa, sita nel cuore di Palermo, in cui le suore di clausura erano solite preparare questo dolce nei secoli scorsi….la ricetta uscita da quelle mura è diventata famosa in tutto il mondo!

Ingredienti per fare la frutta di martorana in casa

Metodo a “freddo”

(esiste anche un metodo a “caldo” dove bisogna far sciogliere lo zucchero e portarlo a 115-120° circa prima d’impastarlo con gli altri ingredienti)

1 kg di farina di mandorle
1 kg di zucchero a velo
100 gr. di glucosio
100gr. di acqua
1 cucchiaino colmo di essenza di mandorla

La farina potete anche farla da sole macinando le mandorle con un po’ di zucchero a velo ma stando attente a non far uscire l’olio delle mandorle.
L’acqua è indicativa perché dipende da quanto ne assorbe la farina.
Si mescolano bene la farina e lo zucchero a velo nell’impastatrice. Si aggiunge il glucosio e pian piano l’acqua fino ad ottenere un impasto consistente tipo frolla.

martorana

Compattare l’impasto come se fosse una frolla

frutta martorana

fare un panetto

 martorana

Staccare dei pezzetti e metterli nelle formine spolverate di amido di mais

martorana

Modellare per togliere le pieghe

martorana

appoggiare sulla formina

 martorana

premere e smodellare

 martorana

farli asciugare quindi procedere alla pittura con colori alimentari (io uso quelli in polvere diluiti al 50% con alcool a 95° e acqua)

martorana

e questo è il prodotto finito!

martorana 2013

La tradizione vuole che  la frutta di martorana sia fatta nella ricorrenza dei giorno dei morti …… essa insieme alla “pupaccena” (bambola di zucchero)

foto presa dal web

e a biscotti, taralli, frutta secca, caramelle e dolciumi vari formano la decorazione del “cannistru” (cesto)u'cannistru ri morti1

edit.

Frutta di martorana 2014 ancora da dipingere

martorana bianca

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    Sabrina
    25 febbraio 2014 at 15:44

    Ciao Flò!
    Passavo per un giretto sotto suggerimento di mamy!
    Sta provando a fare le ciambelline ma non le verranno mai come le tue.. questo è certo :(!
    I dolci di Florinda sono IMBATTIBILI.
    Un commento sotto questo post perché ricordo con amore e delizia la tua martorana *.* vincitrice assoluta la fragola 🙂 Di meglio non ce n’è 🙂
    Complimenti per tutto questo, hai creato davvero un bel blog!
    Un bacione,
    Sabry

    • Reply
      pasteepasticci
      25 febbraio 2014 at 16:29

      Sabrina,che piacere!!!! Lo sò….la fragola per te ha un fascino particolare 😛 …sono sicura che mamma diventerà bravissima… grazie per i complimenti…qui puoi sempre bussare alla mia porta( come facevamo un pò di tempo fà 😉 😀 )

  • Reply
    Balconcine
    11 ottobre 2015 at 23:58

    Che artista!!! Rimango incantata!!! Tutta la mia ammirazione!!!

    • Reply
      pasteepasticci
      15 ottobre 2015 at 12:21

      Balconcineeeeeeeeeeeeeee…..vi Lovvoooooooooo <3 <3 <3 <3 <3

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Aggiungi un posto a tavola, con NeMo
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

    Send this to a friend